Come riconoscere il dolore articolare nel cane?

dolore articolare nel cane

Tra i consigli che il tuo medico veterinario dovrebbe darti, c’è anche quello di prevenire e riconoscere il dolore cronico, in particolare quello derivante dalle malattie articolari, condizione che può essere molto debilitante per il tuo cane.

In questo articolo vorrei mettere in luce i sintomi di dolore articolare da artrosi che tu potresti non riconoscere.
Se è, infatti, vero che 1 cane su 3 soffre di dolore articolare cronico, è altrettanto vero che è molto difficile per il proprietario essere davvero consapevole della sua presenza, in quanto il cane ha una grande capacità di adattamento (compensatorio) al dolore, non mostrando alcun sintomo.

Inoltre, è estremamente complicato misurare l’intensità del dolore. Il cane, non potendo comunicare verbalmente con noi, non ha la capacità di dirci quanto sta soffrendo.

Sta a noi, essere in grado di valutare presenza, peggioramento o miglioramento della situazione.

Dolore articolare (cronico) nel cane

I dolori articolari cronici nel cane, come nel gatto (che ne soffrono con minor frequenza) sono dovuti per lo più ad artrosi.
Questa è una patologia legata a una degenerazione dell’articolazione che coinvolge tutti i suoi distretti (e non soltanto la cartilagine come si pensava una volta).

È un processo degenerativo provocato dall’infiammazione di tutta l’articolazione.

Il processo infiammatorio, instaura il cosiddetto stress ossidativo, che libera sostanze algogene (cioè che provocano dolore) all’interno del liquido sinoviale che si modifica nella consistenza, fluidità e funzione.

Il risultato è una erosione sempre maggiore del cuscinetto esistente tra i capi ossei (questo è, alla fine, la cartilagine) che porta a dolore sempre più forte e invalidante.

Il processo è grave, in quanto la cartilagine non ha modo di ripararsi e rigenerarsi.

Tutto ciò che si può fare (fino a oggi almeno) è il tentativo di rallentare il processo infiammatorio, ridurre la progressione della degenerazione articolare e quindi il dolore.

Ecco perché, è così importante saper cogliere il prima possibile i segni della sofferenza articolare.

Le cause di artrosi possono essere diverse:

  • situazioni predisponenti, come la genetica o la razza
  • situazioni scatenanti, come un trauma o una patologia
  • situazione aggravanti, come il sovrappeso, l’età e l’usura articolare.

A prescindere dal perché si instauri, il denominatore comune di tutte le sue manifestazioni è il dolore.

Un terzo dei cani soffre di patologia articolare, ma è possibile che siano molti più quelli che non sono stati diagnosticati come affetti, perché il proprietario non si è accorto del problema.

Sintomi di dolori articolari nel cane.

E veniamo al dunque. Come mi accorgo della sofferenza articolare?

Per meglio rispondere a questa domanda sarebbe utile distinguere le fasce di vita in cui si può manifestare il problema, perché anche il sintomo sarà diverso.

dolore articolare nel cane

Sintomi di dolori articolari nel cane cucciolo.

Anche i cuccioli possono soffrire di artrosi e dolore cronico, soprattutto se sono affetti da malattie congenite (cioè presenti fin dalla nascita) che determinano un accrescimento non armonico delle ossa e che, quindi, provocano un’usura precoce delle cartilagini.

I cuccioli sono piuttosto esuberanti e, a meno che non siano sofferenti in modo importante, difficilmente mostreranno dolore.

Alcuni atteggiamenti, però dovrebbero darti modo di sospettare qualcosa:

  • gioca poco volentieri
  • si siede spesso mentre gioca e/o corre
  • si muove in modo irregolare, non fluido
  • muove a scatti uno o più arti

a volte potrebbe avere anche dei sintomi valutabili al tatto, come

  • calore delle articolazioni
  • deformità (ingrossamento) delle articolazioni
  • guaire al tatto
  • nervosismo se si cerca di toccarlo ecc

Il cucciolo, soprattutto se di taglia grande e/o gigante, ha un accrescimento che deve essere seguito in modo meticoloso.

Il movimento non deve essere esagerato (non si possono lasciar correre all’impazzata tutto il giorno), la dieta deve essere bilanciata e alcuni movimenti evitati e controllati, come l’uso delle scale, i salti  e simili.

Ecco perché è sempre consigliato far fare una valutazione ortopedica o fisiatrica al proprio cucciolo durante le varie fasi di crescita, al fine di valutare l’andamento dell’accrescimento osseo e corporeo.

Questo percorso è utile anche per escludere o diagnosticare per tempo, malattie ereditarie delle articolazioni (displasia dell’anca, del gomito o altre).

Sintomi di dolore articolare cronico nel cane adulto

L’animale adulto, soprattutto se particolarmente stoico, difficilmente mostra dolore, soprattutto durante una visita dal veterinario.

Ecco perché, potrebbe sfuggire al medico che fa il controllo di routine, il fatto di poter rilevare la sua sofferenza e quindi dovrà stare a te l’interpretazione dei segni di disagio.

Quali atteggiamenti dovresti osservare?

  • Zoppia intermittente: molti cani possono mostrare zoppia anche non continuativamente.
    Questo significa che c’è il dolore ma che si manifesta solo in particolari occasioni (a freddo, solo a caldo, oppure a seconda del movimento fatto).
    In questo caso il dolore potrà trasformarsi, nel tempo in sofferenza cronica e quindi è da indagare subito
  • Riluttanza al movimento: non gioca volentieri
  • Leccamento o mordicchiamento di un articolazione: spesso il dolore viene alleviato dal toccarsi del cane che si mordicchia la parte, provocando una zona alopecica (o meglio in cui i peli ci sono ma sono molto corti perché rosicchiati) oppure decolorata o, ancora, colorata in colore diverso a causa dell’ossidazione provocata dalla saliva
  • Rumorosità delle articolazioni: scricchiolii o schiocchi indicano che le cartilagini si stanno toccando e quindi che c’è dolore, visto che non dovrebbero mai toccarsi
  • Incapacità di fare movimenti che prima faceva più velocemente: simile a quanto più sotto riportato per il cane anziano, anche l’adulto potrebbe avere le stesse difficoltà
  • non si raggiunge più la coda
  • non riesce più a pulirsi
  • fatica a raggiungere la ciotola (in basso).

In cani adulti, è sempre bene che il tuo medico, durante il controllo di routine, effettui anche una valutazione della tonicità muscolare e valuti se i muscoli degli arti sono simmetrici.

Una riduzione della dimensione della massa muscolare di un arto, potrebbe indicare il diminuito appoggio e una situazione dolorosa sottostante.

Sintomi di dolore articolare nel cane anziano.

dolore articolare cane anziano

Il dolore articolare cronico nel cane anziano è molto insidioso.
Questo perché si manifesta con sintomi che, molto lentamente, peggiorano di mese in mese e di giorno in giorno.

La vita dei nostri animali sta, fortunatamente, diventando sempre più lunga e quindi gli acciacchi dell’età diventano più frequenti e importanti.

Ecco, allora che si deve comprendere la differenza tra dolore e normale minor attività provocata dall’età.

I sintomi più frequenti di dolore articolare nel cane anziano sono legati alla riduzione della capacità di effettuare quei gesti che, fino a poco tempo prima erano normali.

  • il cane non riesce più a saltare sul letto: alcuni proprietari interpretano addirittura il sintomo come un segnale di “paura” a salire sul letto, mentre il comportamento è più plausibile che sia legato al dolore che tale movimento provoca
  • il cane non salta più sul divano/poltrona: stesso atteggiamento precedente
  • ha paura di saltare giù dal letto o divano: stessa cosa ma al contrario, provocata dal dolore che può sentire all’atterraggio per terra
  • il cane ha paura o non riesce più a saltare in macchina o scendervi
  • fatica ad alzarsi
  • si lamenta a sdraiarsi o alzarsi
  • non fa più le feste
  • non gioca più
  • non riesce più a correre
  • barcolla sul tronco posteriore
  • è debole sulle zampe posteriori

Anche i cambi di comportamento devono farti pensare a una sua possibile sofferenza.

Il cane che diventa:

  • più aggressivo
  • schivo
  • meno gioioso
  • più timido
  • si lascia manipolare con maggior riluttanza
  • non si lascia toccare

potrebbe essere dolorante.

Tutti questi atteggiamenti possono mettersi in evidenza gradualmente e molto lentamente, anche in mesi o anni e per questo essere intesi come normali, perché dovuti all’età.

In realtà, seppure è vero e normale che l’usura articolare provoca dolore, non lo è il fatto che il paziente deve provare dolore, subendolo senza fare nulla.

A tale proposito la Dott.ssa Erica Giustetto (veterinario fisioterapista) ha messo a disposizione un ottimo questionario da compilarsi a cura del proprietario che può valutare i segni clinici che sono stati qui sopra descritti e che, come fosse un diario, possono rappresentare l’andamento del dolore cronico, con i suoi miglioramenti (in caso di terapia) o aggravamento.

Molto può essere fatto, sia nella prevenzione del dolore articolare, soprattutto nel cucciolo, ma anche nell’adulto, che nella gestione del cane con dolore articolare cronico, argomenti che affronteremo nei prossimi articoli.

Bene, per oggi è tutto.

Se hai bisogno di ulteriori informazioni, non esitare a contattarci da questa pagina.

Non perderti tutti gli aggiornamenti iscrivendoti alla nostra newsletters.

Infine, ti ricordo che anche in caso di artrosi, i costi per la diagnosi e terapia sono rimborsati ( in base ai massimali e prodotto valutato): se ancora non l’hai fatto valuta la possibilità di attivare una assicurazione malattia e infortunio Tippet (Powered by Marsh).

Con meno di 1 euro al giorno, potrai far fronte alle spese mediche, diagnostiche e chirurgiche veterinarie del tuo pet.

Per maggiori informazioni:

E se vuoi rimanere aggiornato sulla pubblicazione dei nostri articoli, puoi iscriverti alla nostra newsletters.