La torsione dello stomaco nel cane, conoscere è prevenzione

sindrome dilatazione torsione stomaco

Sindrome Dilatazione Torsione dello stomaco: una patologia acuta che porta a morte. Puoi prevenirla con la gastropessi preventiva.

Sindrome dilatazione torsione dello stomaco?

La sindrome Dilatazione Torsione dello stomaco del cane è un disordine improvviso che,  se non riconosciuto e trattato immediatamente, risulta fatale.

In pratica lo stomaco si gonfia in modo abnorme e si torce su se stesso, creando di fatto un sacco chiuso ai due estremi.
Questo provoca un ulteriore rigonfiamento dovuto ad aumento dei gas al suo interno. La circolazione dei vasi sanguigni nei punti di torsione si blocca.

Se la torsione è totale si può avere anche una dislocazione della milza che va incontro a necrosi.

L’esito è infausto se non si interviene il più in fretta possibile.

Cause e fattori predisponenti della torsione gastrica nel cane.

Le cause della Sindrome Dilatazione Torsione dello Stomaco del cane non sono del tutto conosciute.
Sono stati fatti molti studi sulla casistica, predisposizione e possibili cause scatenanti la malattia, con risultati abbastanza approssimativi.
Il dato più lampante e certo è che si manifesta soprattutto in cani di grossa o grossissima taglia e con particolare conformazione del torace profondo e largo.
Razze quali:

  • San Bernardo,
  • Alano,
  • Setter Gordon,
  • Bracco Italiano,
  • Fila Brasilero,
  • Setter irlandese,
  • Barbone standard,
  • Mastino napoletano e molte altre le razze coinvolte.

La  frequenza dei casi è maggiore del  50% su cani dopo i 6 anni, rispetto ai cani dai 2 ai 4 anni.

Inoltre una fisiologica lassità dei legamenti dello stomaco, presente nei cani anziani fa si che la possibilità di insorgenza della malattia sia maggiore in questi ultimi.
Il 60% dei casi sono avvenuti  tra le ore 18.00 e le 24.00. (Presumibilmente in quanto i pasti vengono somministrati più frequentemente alla sera).

TORSIONE dello stomaco nel cane

Altre possibili cause sono strettamente legate all’alimentazione e al comportamento durante e dopo il pasto:

  • diete con alimenti poco digeribili e grossolani,
  • crocchette di dimensioni piccole,
  • somministrazione di un unico grosso pasto,
  • assunzione di grandi quantità di acqua subito dopo il pasto
  • voracità nell’alimentarsi (anche per timore che il pasto gli venga rubato da altri cani),
  • agitazione dell’animale subito dopo il pasto.

Sono stati anche valutati i comportamenti nelle 8 ore immediatamente precedenti all’evento e sono stati quindi considerati fattori precipitanti:

  • lo stress,
  • lunghi  viaggi,
  • permanenza in canile,
  • pasto più abbondante del solito e
  • cambio dell’ora dei pasti,

comunque in cani di taglia grossa e già di per se predisposti per razza e mole (Studio della Purdue University).

TORSIONE dello stomaco nel cane

Sintomi della dilatazione dello stomaco nel cane

I sintomi della malattia sono, per fortuna,  molto ben riconoscibili.
La mancata diagnosi o diagnosi tardiva della malattia, nasce dal fatto che spesso non ci si accorge della sua insorgenza, in quanto accade nelle ore notturne.
Il cane è:

  • agitato, non trova pace,
  • continua ad alzarsi e sdraiarsi.
  • Cerca di vomitare, senza riuscirci.
  • Inoltre ha la tendenza a sdraiarsi con la pancia appoggiata al freddo.
  • Il sintomo più eclatante è il gonfiore improvviso e pronunciato dello stomaco.

Nella torsione dello stomaco nel cane il tempo è determinante!
L’UNICA SOLUZIONE E’ L’INTERVENTO CHIRURGICO D’URGENZA.

Una volta stabilizzate le condizioni del cane, l’intervento consiste nel riposizionare lo stomaco nella sua inclinazione corretta, nel controllo di eventuali  lesioni alla milza egli altri organi e vasi

Fondamentale sarà effettuare la legatura dello stomaco  o gastropessi, alle pareti del torace, per evitare recidive che inevitabilmente si ripresentano in caso di mancanza di tale precauzione.

Come prevenire  la torsione dello stomaco (metodi non totalmente efficaci)

La prevenzione della Sindrome Dilatazione Torsione Gastrica, consiste in una serie di abitudini comportamentali legate all’alimentazione del cane.
Ciononostante queste accortezze non sono assolutamente sufficienti a diminuire in modo significativo l’incidenza dell’insorgenza della malattia. Vediamoli.

  • Somministrare due o  più piccoli pasti al giorno.
  • I pasti vanno somministrati con i cani separati e tranquilli, in modo che non sentano lo stress e la fretta di dover terminare prima il loro mangiare per timore che altri cani glielo rubino.
  • Non aumentare la dose dell’alimento di colpo
  • Non somministrare cibi poco digeribili e grossolani
  • Somministrare crocchette di dimensioni grandi e mettere un oggetto di grandi dimensioni dentro alla ciotola onde evitare di far mangiare troppo in fretta, aspirando anche molta aria.
    Esistono anche ciotole con delle protuberanze interne che obbligano il cane a rallentare l’assunzione del pasto.
  • Somministrare alimenti iperdigeribili per favorire lo svuotamento dello stomaco
  • Tenere tranquillo l’animale per almeno due ore dopo il pasto.
  • La posizione della ciotola (se in alto o in basso rispetto alla testa del cane) è un fatto, a quanto pare non rilevante, visto che alcuni studi consigliano di tenerla in alto ed altri per terra.
  • La ciotola in alto aumenterebbe l’assunzione di aria e quindi un maggior gonfiore, ma non è provato.
  • Una alimentazione ricca di acidi grassi insaturi ha la capacità di ridurre la fermentazione microbica, possibile causa di dilatazione (Meyer & Zentek 2001)

La gastropessi preventiva nel cane.

L’unica soluzione preventiva davvero efficace e definitiva in cani fortemente predisposti alla sindrome Dilatazione Torsione dello Stomaco è la GASTROPESSI PREVENTIVA.

La Gastropessi preventiva è un intervento chirurgico che consiste nella fissazione delle pareti dello stomaco alle costole del cane. In questo modo, anche in caso di dilatazione, l’organo rimane in posizione, riuscendo quindi a svuotarsi naturalmente e senza difficoltà.

Questo intervento può facilmente essere svolto con la tecnica della laparoscopia, tecnica chirurgica mini-invasiva, che consente al chirurgo di effettuare tutte le manovre necessarie, attraverso due piccolissimi fori che vengono praticati ai fianchi del cane.
La guarigione delle piccole ferite, risulta essere molto più veloce e semplice rispetto al classico intervento di gastropessi non in laparoscopia.
Inoltre può essere effettuato (nelle femmine) anche in fase di sterilizzazione delle stesse e sempre attraverso lo stesso forellino.

Da oggi la nostra clinica offre un servizio di gastropessi totalmente laparoscopica. Una delle pochissime in Italia ad affrontare questo tipo di intervento.

In conclusione.
La Sindrome Dilatazione Torsione dello stomaco del cane è malattia ad alto rischio di vita nei cani predisposti.
Non essendoci certezze ed esiti positivi sulle possibilità di prevenzione nel comportamento ed alimentazione di tali soggetti, la gastropessi preventiva sembra essere l’unica soluzione alternativa per scongiurare l’insorgenza della malattia.
Questa, se fatta con la tecnica della laparoscopia diventa una soluzione accettabile sia dal punto di vista dei tempi di guarigione delle ferite, che per gli esiti cicatriziali praticamente inesistenti. Inoltre risulta essere molto meno dolorosa per il cane, soprattutto in fase post operatoria, con conseguente minor necessità di farmaci da somministrare.

Per maggiori informazioni su questa tecnica, puoi contattarci da qui

Noi ti abbiamo spiegato come riconoscerla e prevenirla, ma se accade, le spese di diagnosi e terapia medica e chirurgica possono essere rimborsate, grazie all’assicurazione inclusa nei programmi Tippet (POwereb by Aon).

Per maggiori informazioni:

  • contatta il numero verde 800 178 406.
  • visita il sito Tippet,
  • invia una mail a info@tippet.it.

Bene per oggi è tutto, non perderti tutti gli aggiornamenti iscrivendoti alla nostra newsletters.