,

Criptorchidismo nel cane e gatto: cos’è e come si risolve?

criptorchidismo cane

Il criptorchidismo del cane e del gatto. Quali rimedi si possono avere?

I testicoli sono organi che si formano a livello addominale, e scendono nello scroto verso i tre mesi di età.
Se ciò non succede si ha il criptorchidismo che può essere mono o bilaterale (nel caso in cui siano uno solo o entrambe i testicoli non scesi).

Per la diagnosi della malattia è corretto aspettare fino all’anno di età e la si fa effettuando una ecografia addominale per verificare se il o i testicoli siano rimasti all’interno della cavità addominale oppure semplicemente siano assenti.
In questo secondo caso si parla di monorchidismo (se un testicolo solo è regolarmente presente nello scroto) o anorchidismo (in caso entrambe i testicoli siano assenti).

Quali le cause del criptorchidismo?

Le cause del criptorchidismo (anche detto testicolo ritenuto) nel cane e nel gatto sono essenzialmente ereditarie.
E’ questo il motivo per cui è assolutamente sconsigliata la riproduzione di cani o gatti che siano soggetti a questa patologia, in quanto è molto alta l’incidenza di trasmissione della stessa.

criptorchidismo cane, testicolo ritenuto, testicolo interno

E le conseguenze del testicolo interno?

Nel caso uno o entrambe i testicoli siano ritenuti, con l’avanzare dell’età possono andare incontro a forme tumorali dovute soprattutto alla anormale temperatura a cui sono sottoposti all’interno della cavità addominale.

Inoltre l’errata posizione del testicolo può provocare una sindrome da addome acuto da operare d’urgenza, in quanto il testicolo può torcersi su se stesso e creare altissima dolorabilità.

La terapia del criptorchidismo è esclusivamente chirurgica, nel cane e gatto adulto, mentre potrebbe fare scendere il testicolo una terapia ormonale in giovane età, ma con effetti collaterali da valutare.

La miglior terapia chirurgica consiste nell’asportazione del testicolo ritenuto, in quanto il riposizionamento spesso non è possibile.
L’asportazione del testicolo può essere effettuata con la tecnica mini-invasiva della laparoscopia, metodo chirurgico altamente specializzato, che consente di avere un decorso post operatorio brevissimo, molto poco doloroso, e senza la necessità di utilizzare il collare Elisabetta, proprio per la minima dimensione delle ferite che vengono effettuate in sede operatoria.

Vuoi maggiori informazioni circa la patologia e la tecnica operatoria? contattaci da qui.

Bene per oggi è tutto, non perderti tutti gli aggiornamenti iscrivendoti alla nostra newsletters.